le chitarre di David Gilmour

David Gilmour ha deciso di vendere 120 delle sue chitarre. Per me 120 chitarre sono un’enormità ma credo che per un professionista di fama internazionale sia il pane quotidiano. Come un pilota di formula uno che possiede e usa tante macchine. Alcune chitarre sono sconosciute ai fan ma c’è anche la mitica, e personalizzata, Black Strat con cui ha suonato pezzi immortali ascoltati infinite volte: Money, Shine On You Crazy Diamond e Comfortably Numb. Poi c’è quella di Wish you were here.

L’operazione ha finalità umanitarie  poiché il ricavato è destinato a finanziare la sua società benefica che si occupa di senza tetto, di ridurre la fame nel mondo e altre cose.

Mi interessano le giustificazioni con cui presenta la cosa: David sostiene, con il suo fare sornione, che “Everything has got to go” e aggiunge scherzando “It’s the spring sale”. Ovvero “Ogni cosa deve andare” e “Sono i saldi di primavera”. Mi pare che ci sia la consapevolezza dello svanire della vita, e con essa del successo e del ricordo del mondo. Mi apre si stia preparando a morire.

Dice che le chitarre gli sono state amiche, gli hanno dato molta musica, molto piacere e che è giunto il momento che vadano per il mondo a dare piacere ad altri.

Sarà che amo da sempre i Pink Floyd, ma ammiro questo chitarrista che prende congedo da ciò che più di ogni altra cosa gli ha dato successo, emozione, vita, denaro, piacere, creatività. E nel farlo augura che qualcuno possa trarre lo stesso piacere dalle sue chitarre. Un passaggio di consegne e una presa di distanza dalla vita che rivela saggezza.

In fondo il rock insegna che non sempre si può avere ciò vuoi ma che nel frattempo scopri ciò di cui hai bisogno.

esami di stato: sorprese

Il passaggio difficile agli esami è mettere a fuoco le persone che scrivono i temi, preparano tesine, cercano di indovinare la risposta gradita al docente.

Sono lì di fronte alla commissione ma anche distanti come il volto luminescente di una creatura marina emersa ma il cui corpo è soggetto alle correnti abissali.

Per questo possono sorprendere con idee improvvise. Per esempio, uno studente che usa, in modo appropriato, The Great Gig in the Sky.

struggimento

C’è questa canzone dei Pink Floyd, “Cymbaline”, usata in uno spettacolo intitolato The man and the journey. In realtà la canzone faceva parte della colonna sonora del film More, ma i nostri la suonarono con il titolo “Nightmare” nei concerti dal 1969 al 1971 in uno spettacolo chiamato The Man and the Journey. Per i contenuti musicali, per la strutturazione, per i temi concettuali e narrativi The Man and the Journey, consistente in una sequenza di brani che appartenevano o apparterranno ad altri dischi, è il nucleo seminale della produzione successiva, in alcuni casi fino a Wish You Were Here. È l’embrione in attesa di nascere suonato in The Embryo. Animals e The Wall appartengano a un periodo creativo differente il cui nucleo sonoro non sarà più il periodo iniziale, per quanto sia evidente un’unità stilistica unitaria.

Cymbaline è struggente. Corrisponde alla prima volta in cui il protagonista del film More assume droga, sollecitato dalla sua compagna. Il film ha uno stile anni Sessanta/Settanta da fare spavento e tenerezza. Ma il dolore e la nostalgia espressi in certi passaggi di questa canzone vanno oltre il periodo. David Gilmour aveva un tono e una chitarra bluesy. L’esecuzione è un concerto dal vivo del 1969.

perché sono un disadattato 

Capite che se a 17 anni ascolti musica composta da artisti che hanno questa idea è difficile adattarsi a certe cose che vanno ora.

Poi mi chiedo, se la vetrina che mette in mostra questo è la biblioteca civica di Udine, quanto è diventato istituzionale quello che ieri era trasgressivo? E soprattutto, vista l’età media dei frequentatori della biblioteca, “oh my God, what have I done?” e “once upon a time you dressed so fine”.

“Do I want to make a deal?”

us and them

Grande canzone di un grande disco: The Dark Side of the Moon. Ha una storia compositiva tormentata: proposta con il titolo The Violent Sequence ad Antonioni per Zabriskie Point, che la rifiutò perché “bella ma così triste”, rimase in un cassetto per qualche anno e riapparve nel capolavoro dei Pink Floyd.

Collocata fra Money e Any Colour you Like è un momento chiave della follia dell’uomo espressa in un modo tipico dei Pink Floyd: il contrasto fra l’argomento violento, disperante e lo struggimento musicale. I versi d’apertura sono:

Us and them
And after all we’re only ordinary men
Me
And you
God only knows
It’s not what we would choose to do

Da ragazzo pensavo che fosse una presa di distanza dall’idolatria dei fan ma ora capisco che è molto di più. La spaccatura fra noi e loro appartiene a tutti noi come esseri umani “ordinari” che ci ritroviamo dove non avremmo voluto essere: al centro di una battaglia, a brandelli, disperati attraversati da discorsi disarticolati. Perché è così ordinario voler appartenere a un gruppo, per essere protetti, per dare sfogo ai desideri più nascosti, con la copertura del gruppo. Molto meglio che scoprire che il volto del mio nemico è un specchio in cui vedo il mio volto riflesso.

Genesis: teatro, musica e Peter Gabriel

genesis_01Ho letto La filosofia dei Genesis in un pomeriggio perché è un libro agevole e interessante. Descrive l’evoluzione teatrale dei Genesis dai primi passi alla fine degli anni Sessanta fino a The Lamb lies down on Broadway. Il libro è organizzato cronologicamente a partire dalle sperimentazioni visive e musicali nella Swinging London degli anni Sessanta quando ricerca, provocazione, psichedelia e creatività si sono unite per irraggiare idee, immagini e suoni nei decenni successivi. L’atto finale è The lamb lies down on Broadway apice teatrale, musicale e conclusione della prima parte della vita dei Genesis. Ricco di informazioni e paragoni fra autori, rockstar note e meno note. Stimolante il confronto fra Iggy Pop e Peter Gabriel sul tema dello stage diving, che rivela somiglianze sotteranee fra un rampollo della borghesia inglese e un raw rocker americano. Fra l’altro mette la basi per comprendere la differenza fra lo stile spettacolare dei Pink Floyd e quello dei Genesis, dove i primi hanno prodotto concept album e spettacoli visivi, multimediali mentre i secondi hanno piegato verso una teatralizzazione sempre più raffinata al cui centro vi era Peter Gabriel.

Non ci sono analisi delle musiche e i riferimenti ai testi sono occasionali. Il suo punto di forza è la descrizione storica, quasi filologica, della comparsa nonché delle variazioni dei personaggi inventati da Gabriel per drammatizzare teatralmente le musiche dei Genesis. Ha il pregio di cercare di ricostruire spettacoli e visoni di cui non resta alcuna memoria poiché i Genesis mai organizzarono riprese filmiche dei loro spettacoli.

Il riferimento alla filosofia non mi pare essenziale se non in senso lato come contributo rigoroso allo studio della musica progressive e in generale al musica rock.

amore, isolamento e musica

La ferita d’amore è una delle più dolorose e persistenti. In alcune canzoni americane dagli anni Sessanta agli Ottanta la conseguenza dell’abbandono è correre. In Inghilterra nel 1965 esce Yesterday dei Beatles. La canzone mette in musica il ritiro in sé stessi e l’arresto successivi all’essere stati abbandonati dalla persona amata. Questa risposta introversa ricorre nella musica rock inglese. Elenco due canzoni.