Venezia: arrivo, Santa Maria e Damien Hirst

17 giugno 2017

Vista dal treno
Uscita dalla stazione di Santa Lucia
Traghetto
Santa Maria Gloriosa dei Frari
Sana Maria Gloriosa dei Frari: scranni
Santa Maria Gloriosa dei Frari: chiostro
Palazzo Grassi: arrivo
Treasures from the Wreck of the Unbeliavable:: The fate of a bannished man
Treasures from the Wreck of the Unbeliavable: Catalogo
Demon with Bowl
Treasures from the Wreck of the Unbeliavable: Demon with bowl, particolare
Treasures from the Wreck of the Unbeliavable: Aspect of Katir Ishtar Yo-landi

mappe emozionali, realtà aumentata e mobile learning

Come le capita spesso, Guazzaroni propone una interessante e originale iniziativa di apprendimento – EMMAP – in questo caso di Mobile-Learning, nel Museo della Carrozza all’interno di Palazzo Bonaccorsi a Macerata.

A dire il vero non vorrei soffermarmi tanto sugli aspetti squisitamente tecnici – il Mobile Learning, gli Smartphone etc. – quanto su uno degli obiettivi: recuperare la dimensione sentimentale dei luoghi attraverso contenti emozionali e soggettivi. Mi pare un tentativo per approfondire le emozioni, i vissuti – un tempo gli psicologi avrebbero azzardato il “non detto” – che spesso sono livellati dal “Mi piace”. Intendiamoci bene, a me piace il “Mi piace” ma talvolta sento il bisogno di più sfumature, di maggiore articolazione nella comunicazione e nello scambio delle conoscenze. In questo senso mi pare che l’esperienza descritta da Guazzaroni sia una specie di tag della realtà analogica la quale assume così la rete come propria ombra digitale.

Arte e e-learning

Dall’Università di Firenze una dissertazione finale sull’insegnamento della storia dell’arte in e-learning. Il progetto prevede l’allestimento di un servizio integrativo on-line di istituzioni museali. Vi è anche la finalità generale è spostare l’attenzione sui processi psicologici individuali di accostamento all’arte.

Trovo molto interessante l’integrazione servizi museali, e-learning e educazione artistica.

Per mio gusto personale, avrei aggiunto delle attività di “creazione-elaborazione artistica” in modo da sfruttare al massimo l’approccio costruttivista dell’e-learning oltre che per aumentare coinvolgimento delle persone. Forse ne sarebbero avvantaggiati sia i musei che i fruitori.