scuola senza test?

Idea che ricorre con una certa regolarità  e che serpeggia fra docenti e studenti. Non ho idee chiare in merito all’efficacia dei test e dei voti. Talvolta mi pare che valgano solo a patto di così tante riserve, che forse non valgono affatto. Ma se non assegno voti, come faccio? Preparo ragazze e ragazzi al lavoro? In fondo gran parte del lavoro è fatto di vultazioni, assessment, giudizi e altre amenità del genere. Non è disonesto non addestrarli a quella cosa spietata e meravigliosa che è la vita?

Ho letto un articolo dedicato alla scuola Bate Middle School nel Kentucky che educa senza fare test. Molte cose note: didattica incentrata sui processi di apprendimento dello studente, sviluppo delle competenze, studenti che si dedicano a progetti interdisciplinari. In realtà vuole differenziarsi dal Common Core, progetto statunitense finalizzato alla definizione di standard comuni nazionali in matematica, storia, lingua e letteratura. In questo senso la proposta americana ha delle sfumature politiche che qui sfuggono o non sono rilevanti. In linea di principio questa idea negli Stati Uniti giustifica l’insegnamento a casa, tanto caro a molti gruppi religiosi fondamentalisti.

Ma, in Italia, quanti progetti per competenze sono ritenuti credibili per preparare all’esame di stato? Quasi nessuno e sopratutto, molti docenti interrogano imperterriti the classical way.

Inoltre, esiste una relazione fra questa modalità di apprendimento e l’educazione tramite il digitale?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...