gioventù e vita

I

A una fanciulla che danza nel vento

Danzi laggiù sulla riva;

Perché ti dovresti curare

Del vento o del ruggito delle acque?

Libera i tuoi capelli

Umidi di salsedine;

Sei troppo giovane per aver conosciuto

Il trionfo dello sciocco, o l’amore

Perduto non appena conquistato,

O la morte del miglior lavoratore

Mentre tutti i covoni

Sono rimasti ancora da legare.

Perché dunque dovresti temere

Il mostruoso gridare del vento?

II

Due anni più tardi

Nessuno ti ha mai detto che i tuoi occhi

Arditi e belli avrebbero dovuto

Essere fatti più esperti? O avvertita di come

Sia disperata la falena quando si brucia le ali?

Avrei potuto insegnartelo io;

Ma tu sei giovane, così parliamo un linguaggio diverso.

Oh, prenderai tutto quanto ti è offerto

E sognerai che tutto il mondo è amico,

Dovrai soffrire come tua madre ha sofferto,

E alla fine anche tu sarai spezzata;

Ma io sono vecchio e tu sei giovane,

E io parlo una lingua barbara.

W. B. Yeats, da Responsabilità, ed. originale 1914, traduzione di Roberto Sanesi, in W. B. Yeats. Poesie, Mondadori, Milano, 1983, pp. 150 – 151.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...