cambiamenti

Nel prossimo anno scolastico sarò in servizio al Primo Liceo Artistico di Torino. Non più all’Istituto Domenico Berti.

Ho già insegnato all’Artistico ed è stata una esperienza interessante. Mi ricordo studenti vivaci, anche se spesso interessati più a disegnare che alla filosofia. Sono in contatto con alcuni su Facebook.

Chissà cosa mi riserveranno queste classi. Spero di poter fare delle lezioni in elearning e sperimentare la filosofia online.

Annunci

25 thoughts on “cambiamenti

    1. Grazie per l’incoraggiamento. Credo che ci siano molte possibilità di cambiamento, anche nel difficile contesto italiano.

      Se anche tu sei interessato tienimi informato che mi fa piacere condividere esperienze e riflessioni.

      1. io sono interessatissimo, perché penso che la scuola italiana sia colpevolmente lenta, rispetto all’estero e penso che questa lentezza sia una delle concause della crisi, che non è solo economica.

      2. Direi che la crisi economica ha peggiorato la situazione e dato l’occasione per fare tagli e altri cose che altrimenti non avrebbero avuto giustificazione.

        Sulla lentezza della scuola, concordo del tutto. Cosa insegni?

      3. Ogni scuola è stata importante e per qualcosa mi sono trovato bene.
        Per le scuole è fondamentale la dirigenza.

        p.s.
        SO che il mio nome può trarre in inganno, ma sono un uomo.

      4. Oops. Mi ero sbagliato… sono d’accordo con te. La dirigenza è fondamentale. I problemi, pochi, che ho avuto quest’anno, li ho avuti per colpa del dirigente e della vicepreside.

      5. Oops, mi ero sbagliato. Sono d’accordo., con te. La dirigenza è fondamentale. I problemi che ho avuto quest’anno, pochi per la verità, li ho avuti a causa della dirigenza.

      6. Mi pare che pochi abbiano la capacità di motivare e “gestire” i docenti. La preoccupazione per il rispetto formale della legge mette in secondo piano altre cose essenziali per la scuola.

        Nessun problema per genere. 🙂

      7. Molti dirigenti pensano alla loro funzione come ad un ruolo impiegatizio o come ad un ruolo per esprimere il proprio ego e per fuggire i problemi. Si preferisce colpire gli insegnanti, troppo spesso precari, per non scontentare genitori rabbiosi ed insensati (molto spesso, non sempre). Il preside della scuola cattolica dove sono stato mi ha sempre supportato nei rapporti con gli alunni e i genitori, anche oltre il necessario.

      8. Uso il Talete per far usare applicazioni, anche ludiche, per le lingue. Ho insegnato ad usare un programma di traduzione assistita, ho iinsegnato ad effettuare ricerche bibliografiche. Il supporto l’ho avuto, dal preside, alla scuola privata e non a quella pubblica. Tu come imposti le lezioni con strumenti digitali? Vole o scrivere tablet, naturalmente.

      9. Cosa è Talete? Quale programma per traduzioni?

        Non uso Tablet ma piattaforme di e-learning, Moodle. Il problema con filosofia è avviare/mantenere una discussione, anche scritta, riflessiva e condivisa.

        Sicuramente trasmettere l’importanza di una ricerca rigorosa delle fonti è essenziale.

      10. Scusa, era Tablet, non so perché abbia sscritto così. Il programma per le traduzioni è omega t. Vorrei conoscere qualche cosa in più su moodle. Uso anche Facebook per invitare lavori, chiaramente solo in privato. Loro mi inviano allegati e io li correggo. Uso pure Skype.

      11. Ho installato Omega T e non ho ancora avuto la possibilità di usarlo. Mi pare ben fatto, oltre che gratuito.

        Uso Facebook a intermittenza e senza particolare insistenza, sopratutto perché nelle scuole in cui ho lavorato ne diffidavano e non ero nella posizione per contrappormi.

        Quest’anno ho scoperto Schoology e con una classe ho lavorato bene. Mette assieme doversi aspetti vantaggiosi l’interfaccia simil-Facebook, la facilità d’uso e alcune funzioni di valutazione di Moodle.

        Moodle mi piace molto: è una piattaforma ricca e modulare. Certo richiede un po’ di tempo per apprenderne l’uso ma è fattibile. se hai un notebook, puoi iniziare a esercitarti installando Moodle. E’ un po’ lungo perché devi installarti un web server, PHP e mysql; ma una volta arrivati in fondo è una bella soddisfazione e ti puoi esercitare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...